DIETA MEDITERRANEA

Parlare di dieta mediterranea è riduttivo. Il termine è stato coniato in seguito agli studi di Ancel Keys dopo la seconda guerra mondiale. Ancel Keys è stato un longevo studioso dell’Università del Minnesota, capace di studiare le abitudini alimentari di molti paesi dopo aver creato le “razioni K” che rassicuravano i soldati americani in guerra. A seguito dei suoi studi, si è capito che la dimensione gastronomica mediterranea è in grado di assicurare una costante prevenzione da problemi sanitari di ogni tipo, in primo luogo le malattie cardiovascolari. La sua teoria è oggi evoluta e raccomanda un’assunzione costante di acqua, verdura, frutta, cereali, pesce, carni bianche ed olio extravergine di oliva di alta qualità e provenienza certa. In pratica la variata abitudine alimentare dei paesi del Mediterraneo. Che è anche gioia e non monotonia per il palato.